• Via De Gasperi 22, 60125 Ancona
  • In sede: Lunedì e Mercoledì 09.30-13.30 - Cellulare: 09.30-13.30 gli altri giorni (sabato escluso) n° 339.8651877
Ordine dei Farmacisti della provincia di Ancona

Turni farmacie

farmacie di turno

Editoriale

Circolari

Chi siamo

L'Ordine è un "Ente di diritto pubblico non economico" i cui provvedimenti hanno carattere di "atti amministrativi" sottratti al controllo esterno di legittimità. È dotato di autonomia organizzativa e di regolamentazione, ed è retto da un Consiglio direttivo composto da un numero di membri calcolato in rapporto al numero degli iscritti.

Continua a leggere

FOFI

fofi

computer ragazza bionda di spallefarmacista33.it-Dovrà scattare il primo luglio l'obbligo di emettere lo scontrino elettronico e di inviare online i corrispettivi - un obbligo che vale per chi fattura oltre 400.000 euro, mentre dal primo gennaio 2020 sarà per tutti - ma stanno già arrivando richieste di rinvio (come da Confcommercio) e da Federfarma, in una lettera destinata alle Agenzie delle entrate, sono state sottolineate le criticità per le farmacie, dovute anche alla mancanza ad ora di dettagli operativi, con l'invito a un incontro. E intanto, attraverso due circolari, è stato fatto un punto sulle regole e sulle modalità per poter usufruire dell'agevolazione fiscale per mettersi a posto con la strumentazione.
Come si ricorderà, secondo quanto previsto dal decreto fiscale 119/2018, dal primo luglio 2019, i soggetti con volume d'affari superiore a 400.000 euro sono obbligati a memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente all'Agenzia delle entrate i dati dei corrispettivi giornalieri, mentre dal primo gennaio 2020 spetterà a tutti. Come evidenziato dalla circolare della Fofi, «l'invio dei dati dovrà avvenire mediante il registratore di cassa telematico. In alternativa, per le farmacie, attraverso il flusso dei dati già inviato al Sistema Tessera Sanitaria (Sistema TS) per le detrazioni 730, che, in tal caso, andrà effettuato giornalmente e non più mensilmente. Tuttavia, tenuto conto che l'invio concerne tutti i corrispettivi incassati e non solo quelli relativi alle spese sanitarie detraibili, si osserva, che andranno verificate in concreto le modalità di funzionamento del citato Sistema TS nel trasmettere le due diverse tipologie di spesa».

caduceo farmacista donna
farmacista33.it-È necessario che il Governo accenda i riflettori sulle istanze provenienti dal mondo dei professionisti e dei corpi intermedi, intervenendo in particolare sui potenziali effetti sulle casse professionali del Decreto Crescita, approvato "salvo intese" dal consiglio dei Ministri.
L'appello è stato lanciato da Emilio Croce, presidente di Enpaf, che ha partecipato a una tavola rotonda nell'ambito di Capri Pharma 2019, l'evento organizzato dall'Ordine dei Farmacisti della Provincia di Napoli, con il patrocinio di Enpaf, Fofi, Federfarma e Sifo, e giunto alla sua seconda edizione. «Devo esprimere la mia preoccupazione», si legge in una nota, «rispetto alla previsione contenuta nell'art. 13 bis del Decreto Crescita che mira a incentivare gli investimenti da parte delle Casse professionali in economia reale e nel venture capital, sulla base di una percentuale rapportata al patrimonio degli Enti. È evidente che se la misura venisse confermata dal Parlamento, difficilmente le Casse - e quindi anche l'Enpaf - investirebbero con percentuali così significative in operazioni che presentano profili di rischio elevati, e questo anche se con tale scelta venissero meno, come stabilito dal provvedimento governativo, le agevolazioni sui nuovi investimenti qualificati».

walgreens farmacista33.it-Walgreen Boots Alliance invia una richiesta di rettifica per alcune informazioni diffuse durante la   trasmissione ReportDopo il servizio di Report che lunedì scorso ha preso di mira Stefano Pessina, arriva la replica ufficiale di WalgreenBootsAlliance, sotto forma di una lunga lettera indirizzata alla trasmissione di Raitre, cui si chiede una rettifica. A firmarla Marco Pagni, executive vice president e general counsel and chief administrative officer. Il servizio di Report «contiene una serie di affermazioni contrarie a verità rispetto a questa società, alla società Boots facente parte del gruppo Walgreens Boots Alliance e all'Ing. Stefano Pessina». La lettera si articola in sette punti e prende in considerazione tutti i punti nevralgici dell'inchiesta giornalistica: dalle modalità che portarono all'acquisto di Boots nel 2007 (perfettamente lecite e senza alcun danno per il fisco inglese) alla multa che la Sec, autorità statunitense che vigila sulle operazioni di Borsa, comminò a Walgreens (Pessina non era ancora ceo e comproprietario del gruppo).

© Ordine dei Farmacisti della provincia di Ancona 2007-2019 - Powered by SpoonDesign & Studiofarma