• Via De Gasperi 22, 60125 Ancona
  • In sede: Lunedì e Mercoledì 09.30-13.30 - Cellulare: 09.30-13.30 gli altri giorni (sabato escluso) n° 339.8651877
Ordine dei Farmacisti della provincia di Ancona

Turni farmacie

farmacie di turno

Editoriale

Circolari

Chi siamo

L'Ordine è un "Ente di diritto pubblico non economico" i cui provvedimenti hanno carattere di "atti amministrativi" sottratti al controllo esterno di legittimità. È dotato di autonomia organizzativa e di regolamentazione, ed è retto da un Consiglio direttivo composto da un numero di membri calcolato in rapporto al numero degli iscritti.

Continua a leggere

FOFI

fofi

scontrinifarmacista33.it - Il provvedimento di conversione in legge del Dl Crescita che contiene un emendamento che dovrebbe rendere più gestibile la tempistica legata all'invio dei dati, in modo particolare nel semestre iniziale. In merito alla partenza, al primo luglio, dell'obbligo del cosiddetto scontrino elettronico, i riflettori sono puntati sul provvedimento di conversione in legge del Decreto Crescita che contiene un emendamento che dovrebbe rendere più gestibile la tempistica legata all'invio dei dati, in modo particolare nel semestre iniziale. Il dispositivo, che va approvato entro il 29 giugno, ha sulle spalle già un po' di ritardo rispetto ai piani iniziali: con il via libera delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera, è entrato ieri in Assemblea (in prima lettura), ma deve fare ancora un passaggio al Senato per l'approvazione definitiva. Diventato una sorta di omnibus e, come sottolineato dalla stampa, ampio contenitore di misure Salva-qualcosa, l'idea che sta prendendo piede è di un voto con fiducia.
Diverse sono le misure introdotte che riguardano l'obbligo di memorizzazione e invio telematico dei corrispettivi giornalieri alle Agenzie delle Entrate - che, lo ricordiamo, parte al primo luglio per chi ha un volume d'affari superiore ai 400mila euro, farmacie incluse, e dal primo gennaio per tutti - ma quella verso cui gli occhi sono puntati andrebbe a modificare la finestra tra l'effettuazione dell'operazione e l'invio dei dati all'Agenzia delle Entrate.

computerfarmacista33.it - E-Order, da ottobre obbligo emissione e trasmissione elettronica dell'ordine di acquisto di beni e servizi. Il punto con Daniele Marazzi. Dopo la fatturazione elettronica e la trasmissione e memorizzazione telematica dei corrispettivi giornalieri, obbligo a cui anche le farmacie - quelle con fatturato sopra i 400mila euro - sono chiamate dal primo luglio, all'orizzonte c'è un ulteriore passaggio, in partenza il primo ottobre: l'emissione e trasmissione elettronica dell'ordine di acquisto di beni e servizi, attraverso il Nodo di smistamento degli Ordini (Nso), il sistema di gestione che opera presso il Ministero dell'Economia e delle finanze (Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato). Un obbligo che, in questa prima fase, riguarda le relazioni commerciali tra gli enti del servizio sanitario nazionale, i soggetti (anche privati) che ordinano per conto di tali enti, i loro fornitori e intermediari, ma che potrebbe avere, proprio come è avvenuto nel percorso della fatturazione elettronica, ulteriori sviluppi.

scontrinifarmacista33.it-Scontrino elettronico, il punto sulle modifiche, contenute nell'emendamento al decreto crescita, con Stefano Lucidi
Prosegue l'iter del Decreto Crescita, atteso in Aula, nel quale, tra i vari emendamenti di interesse, è contenuto anche quello relativo all'obbligo di memorizzazione e invio telematico dei corrispettivi giornalieri alle Agenzie delle Entrate, che dovrebbe allungare la finestra entro la quale i dati vanno trasmessi all'Agenzia e, per il primo semestre, introdurre una moratoria di un mese. Per quanto riguarda l'obbligo è ormai conto alla rovescia: il primo luglio scatterà per chi ha un volume d'affari superiore ai 400mila euro annui, mentre dal primo gennaio sarà realtà per tutti, indipendentemente dal fatturato. Se, almeno da quanto risulta al momento, nonostante le pressioni che arrivano un po' da tutti i settori interessati, farmacie comprese, l'Agenzia delle Entrate sembra escludere la possibilità di un rinvio, una via per rendere più affrontabile l'obbligo è stata portata avanti in Parlamento: come si ricorderà, all'interno del decreto per convertire in legge il cosiddetto Decreto Crescita (DL 34/2019) è stato presentato un emendamento che contiene, se verrà approvato, due modifiche, una transitoria e una permanente.

© Ordine dei Farmacisti della provincia di Ancona 2007-2019 - Powered by SpoonDesign & Studiofarma